Recensione: Star Wars DESTINY

il

Oggi ci troviamo a parlare di Star Wars: DESTINY, il nuovo gioco di carte collezionabili di una delle saghe più celebri della storia.
Quello di Star wars è ormai un brand amato molto dai suoi fan adulti quanto dai bambini di oggi che hanno potuto avvicinarvisi tramite il cartone animato e i nuovi film, a partire da Star Wars VII – Il risveglio della Forza” .
Presto questo gioco uscirà grazie ad Asterion che ne cura la distribuzione in Italia.

Il concept

Il gioco è molto legato all’atmosfera dei film e ci catapulta quindi a gestire un duello tra i nostri personaggi e quelli dell’avversario. Lo scopo, tra azioni e colpi di scena, è quello di vincere la schermaglia mandando al tappeto tutti gli eroi avversari.

NB: Questa recensione si riferisce al contenuto dei singoli mazzi base “Kylo Ren” e “Rey”

Il regolamento

In gioco abbiamo i nostri personaggi che hanno un proprio valore di salute, la partita termina quando tutti i personaggi di un giocatore rimangono senza salute.
I personaggi, così come i loro equipaggiamenti e i loro supporti, hanno dei dadi specifici che permettono di attivare delle abilità, guadagnare risorse, attaccare o ottenere determinati effetti.
All’inizio del turno ogni giocatore guadagna due segnalini risorsa che può spendere per giocare carte dalla sua mano, dopodiché ogni turno è composto dalle “fasi” di ogni giocatore. I due sfidanti hanno un set di azioni che possono effettuare e possono scegliere di attivarne una per ogni fase, in questo modo si crea un dinamico botta e risposta strategico tra i contendenti.10

Le azioni a disposizione sono:

  • Giocare una carta dalla mano: pagando il suo costo in risorse è possibile giocare eventi, migliorie o supporti dalla mano. Ogni personaggio può sostenere al massimo tre migliorie. Per sostituire una miglioria quando il proprio personaggio ha già 3 carte su di esso bisogna sottrarre dal costo della carta che si sta giocando il valore speso per giocare la carta che si sta eliminando.
  • Attivare un personaggio: Girando il personaggio di 90° si possono lanciare i suoi dadi e renderne così disponibili gli effetti.
  • Risolvere dei dadi:Si possono consumare tutti i dadi con lo stesso simbolo, da qualsiasi numero di personaggi, per utilizzarne l’effetto.
  • Scartare una carta per rilanciare i dadi:Se il lancio di dadi non è quello sperato, o di cui avevamo bisogno, scartando una carta possiamo rilanciare tutti i dadi che vogliamo un’altra volta.
  • Attivare azioni di carte in gioco: Spendendo il risultato dei dadi è possibile eseguire le azioni dei propri eroi, dei loro supporti o delle migliorie sul campo di battaglia.
  • Reclamare il terreno: In gioco è presente un terreno che è possibile reclamare come azione. Dato però che il terreno dà la possibilità di essere il primo a giocare nel turno successivo e in aggiunta applica effetti piuttosto forti prenderlo vuol dire rinunciare a tutte le proprie “fasi” fino al turno successivo.

Durata

Una partita dura all’incirca tra i 20 e i 30 minuti, rendendo il gioco adatto a riempire anche spazi di tempo non troppo grandi. L’alternanza di fase inoltre permette di non avere praticamente downtime (tempo di inattività) per i giocatori.

Profondità

Pur essendo un sistema basato sui dadi l’azione che permette di ritirarli scartando una carta consente al giocatore di avere un certo controllo sull’alea.

Le carte hanno una buona varietà di effetti pur mantenendo un’impostazione strategica diversa fra un mazzo e l’altro; questo fattore regala un buon primo impatto a chi riesce a provarli entrambi perché  lascia l’idea di un gioco che tra le sue carte ha molte strategie possibili e quindi stimola alla ricerca e al deckbuilding (studio e costruzione di mazzi).

Inoltre, data la vastità del mondo di Star Wars, il formato del gioco di carte collezionabili consente una vasta scelta di eroi e mazzi da comporre.

Componentistica

Il gioco a parte alcuni segnalini  è principalmente la somma di carte e dadi.
Mentre per le prime ci sentiamo di dire che sono molto curate, con delle illustrazioni di ottimo livello e una buona comunicazione a livello di simbolistica non possiamo evitare di storcere un pochino il naso all’idea che i dadi siano diversificati per il fatto di avere semplicemente degli adesivi diversi appiccicati ai lati.

swd01_dice

Le singole carte sono caratterizzate in maniera tale che, per chi conosce bene i film, sono coerenti a livello di effetti con le figure cinematografiche di riferimento, ciò vuol dire che le abilità di ogni personaggio,oggetto ed evento riescono a rimandare alle impressioni date dagli stessi nei vari film.

Pro

–Regolamento semplice da spiegare e da capire

–Buona rigiocabilità

–Ottima resa dell’atmosfera nel gioco

–Buon rapporto qualità prezzo per quanto riguarda in particolare i booster

Contro

– I dadi con l’adesivo sono più soggetti a rovinarsi rispetto a dei dadi con rilievi

–Comprare un mazzo base (24 carte incluse nel mazzo) non permette di giocare una partita regolamentare (sono richieste 30 carte per comporne uno regolamentare)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...